Se ti stai chiedendo in cosa consiste la prima visita dal dentista, sei capitato nel posto giusto. Se invece sei interessato a sapere quando portare tuo figlio per la prima volta dal dentista e cosa aspettarti, ti rimandiamo a quest’altro articolo.

La prima visita è quel momento in cui ci si reca dal professionale sanitario per sottoporsi a un’esplorazione orale e per ottenere una diagnosi. Tuttavia, la prima visita non consiste unicamente in questo. Sarà anche un momento in cui si inizierà a creare la relazione paziente-odontoiatra o tra paziente-genitore-odontopediatra per poter lavorare in armonia con lo scopo di raggiungere e/o mantenere una salute orale ottimale.

Che cosa avverrà durante la visita?

1. Storia clinica e medica

Come prima cosa, è molto importante, per il tuo dentista, compilare la tua cartella clinica. Ricordati di portare la tua tessera sanitaria giacché così si potranno inserire automaticamente i tuoi dati anagrafici. Successivamente il tuo dentista ti farà delle domande sulla tua salute generale per assicurarsi delle tue condizioni e per poter stabilire un piano di trattamento adeguato alle tue necessità. Sarebbe conveniente che avvertissi il tuo dentista in merito a possibili allergie e ad una eventuale gravidanza. Ti verrà anche fatto firmare un documento sulla protezione dati e dei consensi informati.

2. Esplorazione orale

  • Esplorazione buccodentale: in primo luogo il tuo dentista inizierà esaminando la tua testa e collo, i suoi noduli linfatici e l’articolazione temporo-mandibolare. Una volta terminato l’esame extraorale si passa a quello intraorale nel quale verranno esplorati non solo i denti ma anche i tessuti molli in cerca non solo di carie o otturazioni difettose, ma anche di alterazioni alle gengive, lingua, palato etc.
  • Radiografie extra o intraorali: le radiografie sono fondamentali per poter diagnosticare patologie non visibili a occhio nudo come ad esempio carie interprossimali (tra due denti) o infezioni che raggiungono l’osso sottostante o perdite ossee derivate da una patologia parodontale.

3. Diagnosi

tablet con corpo umano sulla sinistra e in mezzo un dente blu che spunta

Realizzata l’esplorazione orale e raccolti tutti i dati necessari, il dentista potrà stabilire una diagnosi definitiva e successivamente potrà offrirti diverse opzioni di trattamento per arrivare a scegliere quella più consona a te.

4. Preventivo

Una volta stabilito il tuo piano di trattamento, il dentista passerà tutta la tua cartella clinica alla sua assistente che elaborerà un preventivo (o più di uno se sei indeciso su che trattamento scegliere) che ti verrà consegnato affinché tu possa studiarlo e prendere la decisione che più riterrai adeguata.