L’1 ottobre si è celebrata la giornata mondiale del sorriso e voglio quindi regalarti dei consigli per renderti un po’ migliore la vita! Il fatto di sorridere è strettamente legato alla felicità delle persone. Un gesto così semplice ed economico, come il sorridere, può avere un impatto diretto sul benessere giornaliero.

Donna che sorride

Sei tra quelle persone che si chiedono se sorridono perché sono felici o se sono felici perché sorridono? Beh, sappi che uno studio pubblicato nel Biological Psychology nel 2014 dimostrò che non sono si sorride quando si è felici, ma che il mero abbozzo di un sorriso incrementa considerevolmente il benessere di una persona. Pertanto, il sorriso è una risposta a uno stato di felicità.

Sorridere riduce il dolore fisico ed emotivo

Il sorriso libera endorfine, serotonina e adrenalina. Questi ormoni neurotrasmissori si associano a stati d’animo positivi e contribuiscono a ridurre il dolore fisico ed emotivo. Insomma, un farmaco naturale che ti aiuta a migliorare il tuo stato di salute.

La OMS assicura che all’incirca il 90% delle malattie più comuni hanno un origine psicosomatico. Ossia, che dipendono dal modo in cui la persona affronta gli stati di stress, il conflitto e le frustrazioni.

Stimolazione positiva

Uno studio condotto dal gigante informatico Hewlett Packard suggerisce che, solamente vedendo qualcuno sorridere, generiamo dei livelli di stimolazione positiva nel nostro cervello e cuore pari a quelli che riceveremmo nell’ipotetico caso di mangiare 2000 tavolette di cioccolato o di ricevere 12000 euro in contanti. Io te la butto lì.

Genera più fiducia

Sapevi che le persone che sorridono hanno un 10% in più di possibilità che ci si fidi di loro? Lo dimostra uno studio pubblicato nel 2001 con la collaborazione dell’università di Oxford. Vedere una persona sorridere ti ispira più fiducia e, inoltre, te la fa percepire come più amichevole e socievole. Se vuoi apparire così, approfitta dei benefici di sorridere in ambienti sociali.

Contagia allegria

Sorridere è contagioso. Perciò non bisogna meravigliarsi del fatto che quando sorridiamo, anche davanti a uno sconosciuto, è probabile che riceveremo un sorriso in risposta. Uno studio dell’università di Harvard evidenziò che se una persona è contenta, coloro che la circondano hanno un 25% di probabilità in più di mostrare la loro allegria. Ossia, sorridere non solo aiuta te stesso a stare meglio, ma produce anche un effetto positivo su chi ti sta attorno.

Sorridere riduce la tensione

Il sorriso non solo ha effetti positivi sulle persone in ambienti sociali. Sorridere quotidianamente sul lavoro aiuta a godere di un ambiente confortevole e più gradevole. L’università di Harvard ha condiviso tre vantaggi fondamentali del lavorare contento: maggior senso di appartenenza, visione a futuro e maggior appoggio e sostegno tra compagni e dirigenti.

Quindi, devi sorridere molto di più! Il grande beneficio di sorridere è che ti aiuta a essere più felice. Sorridere ha un effetto diretto su se stessi. La teoria della retroazione ha la sua origine nel secolo XIX. E come possiamo adattarla a quello che ti sto dicendo? Che l’espressione rende più intensa l’emozione; al contrario, la repressione la ammorbidisce o addirittura la annulla.

Quindi, prenditi cura del tuo sorriso e sorridi più che puoi!