Sono sempre di più i bambini che soffrono di problemi funzionali come respirazione orale, masticazione alterata, labbra ipotoniche, degluzione atipica o difetti di fonazione.

Disegni di bambini con abitudini viziate.

Quando viene diagnosticata una o più alterazioni, la prima cosa da fare è corregere il difetto con la chiamata terapia miofunzionale ossia con degli esercizi appositi. Non servirà a nulla mettere esclusivamente degli apparecchi ortodontici per risolvere il problema dentale se prima non si corregge la disfunzione presente. Per questa ragione si rende necessaria la collaborazione con un logopedista, dato che il più delle volte sarà proprio lui a prescrivere questi esercizi miofunzionali.

Pertanto, vi proponiamo una serie di esercizi da poter svolgere, ma vi raccomandiamo caldamente di consultare uno specialista che potrà prescrivervi una terapia personalizzata e mirata.

Esercizi per la respirazione orale

Soffiarsi il naso: prima una narice alla volta e poi le due insieme. Ripetere 2 volte 3 volte al giorno.

La candela: eseguire atti espiratori con il naso davanti alla fiamma di una candela accesa. 5 minuti per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

La pallina: creare una pallina di piccole dimensioni in carta e appoggiarla ad un estremo del tavolo. Prendere una cannuccia e inserirla in una narice; tapparsi l’altra e far avanzare la pallina fino alla fine del tavolo soffiando solamente con il naso. Eseguire l’esercizio prima con una narice e poi con l’altra, fare una piccola pausa e ripetere altre 2 volte per 3 volte al giorno.

La carta velina: si appoggia un foglio di carta velina sotto il naso. Il paziente deve inspirare profondamente in modo da riuscire a trattenere il foglio in quella posizione. Svolgere 15 inspirazioni, pausa e altre 15 per 3 volte al giorno.

Ginnastica binarinale: eseguire atti inspiratori ed espiratori prima con la narice destra e poi con la sinistra tenendo tappata alternativamente l’altra narice. 5 minuti per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Naso con tappata la narice destra e poi sinistra
Ginnastica binarinale: sviluppo della funzione respiratoria naso-nasale e della propriocezione respiratoria.

Esercizi per la masticazione

Protrusione: avanzare la mandibola e in contemporanea creare una resistenza appoggiando sul mento il pugno che eserciterà una forza opposta durante 5 secondi. La mandibola rimane immobile. Segue subito dopo un rilassamento completo di 5 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Mandibola spostata in avanti con pugno opposto
Protrusione: tonificazione dei muscoli masticatori.

Retrusione: partendo da una posizione di protrusione mandibolare, portare la mandibola indietro creando una resistenza inserendo il dito indice come un gancio all’interno dell’arcata inferiore durante 3-5 secondi. La mandibola rimane immobile. Segue subito dopo un rilassamento completo 5 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Lateralità: eseguire il movimento laterale insufficiente e posizionare la propria mano a livello del corpo mandibolare esercitando una forza che si opponga al movimento di lateralità durante 5 secondi. La mandibola rimane immobile. Segue subito dopo un rilassamento completo di 5 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Apertura: realizzare un movimento di apertura della bocca al quale si contrappone un pugno posto sotto il mento che esercita una forza verso l’alto durante 5 secondi. La mandibola rimane immobile. Segue subito dopo un rilassamento completo di 5 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Chiusura: partendo da una posizione di apertura buccale, chiudere la bocca esercitando contemporaneamente con le dita poste a livello degli incisivi inferiori una forza verso il basso durante 5 secondi. La mandibola rimane immobile. Segue subito dopo un rilassamento completo per 5 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Masticazione: masticare 10 secondi ogni boccone prima di deglutirlo in maniera monolaterale alternata.

Esercizio dei masseteri: con le labbra a riposo, posizionare le mani a livello dei masseteri e contrarli chiudendo forte i denti. Segue subito dopo un rilassamento completo per 5 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizi per le labbra

Esercizi di tonificazione muscolare

Trazione sull’anello: trattenere lo schermo orale con le labbra mentre si esercita una trazione sull’anello di intensità tale da estrarre il dispositivo con un sonoro schiocco. 10 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Esercizio allo specchio: davanti allo specchio, cercare si deglutire con lo schermo orale in bocca, le labbra contratte e la punta della lingua sul palato. 10 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Esercizio di trattenuta: trattenere energicamente lo schermo con le labbra come se si stesse dando un bacio. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizio del bottone: legare un bottone con un filo e posizionarlo tra le labbra. Tirare il filo mentre si cerca di trattenere il bottone. Esercitare una forza verso il fuori e verso l’alto per allenare il labbro inferiore e verso il fuori e il basso per il superiore. 10 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Succhiamento dello schermo: succhiare lo schermo contraendo i muscoli delle guance. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizio delle liquirizie: all’estremità di un laccio lungo 30 cm, legare una rotella di liquirizia. Collocarsi in piedi con il busto piegato a 90° e trattenere l’altro capo con le labbra e tirarlo verso la propria bocca in modo da avvicinare la liquirizia. Aggiungere una liquirizia ogni 3 giorni. 5 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Esercizio della boccaccia: inserire due dita agli angoli della bocca esercitando una trazione verso l’esterno alla quale ci si deve opporre contraendo la parte interna dell’orbicolare durante 15 secondi massimo. Segue subito dopo un rilassamento completo per 10 secondi per poi ripetere l’esercizio. Alternare contrazione e rilassamento durante 2 minuti per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Le labiali: ripetere con forza e di seguito, davanti allo specchio, le sillabe MA BA PA avvicinando le labbra tra di loro. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizio del bacio/sorriso: alternare la contrazione delle labbra in avanti (posizione del bacio) e la retrazione delle stesse (posizione del sorriso). 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Bambino con bocca in foma di bacio e poi di sorriso
Esercizio del bacio/sorriso: tonificazione del muscolo orbicolare.

Esercizio destra/sinistra: spingere in avanti l’angolo della bocca il più possibile a sinistra e poi a destra. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizi di distensione muscolare

Il cane da guardia: alzare il labbro superiore, mostrando le gengive e imitando in tal modo un cane che ringhia. Svolgere l’esercizio con le arcate in occlusione. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizio del rossetto: posizionare il labbro inferiore il più in alto possibile sul labbro superiore e ritornare alla posizione di riposo. Svolgere l’esercizio con le arcate in occlusione. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Bambino che allunga il labbio inferiore su quello superiore.
Esercizio del rossetto: distensione muscolare, recupero della propriocezione della protrusione mandibolare e allungamento del labbio superiore.

Esercizi per la lingua

Porpriocezione

La punta della lingua: scorrere la punta della lingua sul palato, da destra a sinistra e dall’indietro in avanti e viceversa. Distinguere le zone lisce da quelle rugose. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Raffreddamento: applicare un stimolo termico a livello della papilla incisiva di maniera che la lingua si elevi verso la zona stimolata. 10 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Cilindro ghiacciato applicato a livello della papilla retroincisiva.
Raffreddamento: propriocezione della papilla retroincisiva.

Spazzolamento: spazzolare con un pennello sottile per circa 10 minuti, in modo equivalente tra lato sinistro e destro, i margini laterali della lingua. 1 volta al giorno.

Esercizi di ginnastica muscolare

Abbassalingua: spingere la punta della lingua contro un abbassalingua di legno posto davanti alla bocca che eserciterà una forza contraria. La lingua deve essere posta orizzontalmente rispetto all’abbassalingua per far lavorare la punta. 10 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Punta della lingua che spinge un abbassalingua.
Abassalingua: tonificazione della punta della lingua e contrazione dei muscoli pterigoidei esterni.

La “R”: pronunciare la lettera “R” facendo vibrare la punta della lingua contro la porzione anteriore del palato. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Il galoppo: imitare il rumore prodotto da un cavallo al galoppo. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

La punta: portare la lingua al di fuori della bocca, renderla appuntita e restringerla per tutta la sua lunghezza. 5 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Esercizi di recupero funzionale

Esercizio “dietro ai denti”: appoggiare la punta della lingua in corrispondenza della papilla retroincisiva ed aprire la bocca senza modificare la posizione della lingua. Mantenere la bocca aperta respirando dal naso durante 3 secondi. 10 ripetizioni per 3 volte al giorno (ogni settimana aumentare di 5 le ripetizioni).

Lingua che tocca il palato dietro agli incisivi.
Esercizio “dietro ai denti”: elevazione della lingua e miglioramento della propriocezione di lingua e palato.

La cioccolata: spalmare della cioccolata sulle labbra e leccarla, muovendo la lingua lungo la superficie labiale. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

I movimenti: portare la lingua verso la punta del naso, verso il mento, muoverla lateralmente verso la guancia destra e sinistra ed esplorare tutte le zone della bocca. 1 minuto per 3 volte al giorno. Incrementare gradualmente il tempo di 10 secondi quando si nota che l’esercizio si svolge senza fatica.

Esercizi di rieducazione alla postura linguale

Un elastico: posizionare un elastico sulla punta della lingua e portarla a contatto con le rughe palatine. Portare le arcate in occlusione mantenendo l’elastico in posizione. Ripetere prima a labbra aperte e poi a labbra chiuse. Ripetere 3 volte mantenendo l’elastico in posizione durante 5 minuti per 3 volte al giorno. Aumentare gradualmente i minuti in cui si mantiene la posizione (5, 15, 30, 45, 60 min.).

Lingua con un elastico sulla punta.
Elastico: rieducazione della postura della lingua e contrazione dei muscoli masticatori.

Due elastici: utilizzando due elastici, porre un elastico tra le labbra e l’altro sulla punta della lingua. Chiudere le labbra, senza sforzo, e portare la lingua in contatto con la papilla retroincisiva; le arcate sono in leggero contatto occlusale. Mantenere la posizione inizialmente per 5 minuti per poi aumentare progressivamente fino a raggiungere i 60 minuti. Ripetere per 3 volte al giorno.

I sorsi: introdurre piccole quantità di acqua nella bocca e deglutire con la lingua appoggiata sulla papilla retroincisiva. Ripetere a pranzo e cena per 5 volte consecutive durante una settimana. Successivamente aumentare la quantità di liquido e da deglutire e ripetere l’esercizio anche fuori dai pasti.